Convegno Internazionale “Pensare con gli occhi. La politica delle immagini nell’opera di Harun Farocki”

Lunedì 21 e martedì 22 novembre, presso l’Aula Magna della Cavallerizza dell’Università di Torino, si è tenuto il Convegno Internazionale Pensare con gli occhi. La politica delle immagini nell’opera di Harun Farocki. Un titolo “mirato e connotante”, come lo ha definito Giulia Carluccio – presidente del corso di laurea Dams e organizzatrice del Convegno insieme a Giaime Alonge, Luisella Farinotti, Barbara Grespi e Federica Villa – per un appuntamento che è il frutto di un lavoro sinergico tra quattro università italiane: l’Università di Torino, l’Università  di Bergamo, lo IULM Libera Università di Lingue e Comunicazione, e l’Università di Pavia. Si è succeduta nei saluti Patrizia Sandretto Re Rebaudengo che, con la Fondazione omonima, ha collaborato al progetto insieme al Torino Film Festival che, a sua volta, ha dedicato a Farocki una retrospettiva. La presidente ha invitato i presenti a visitare la video-installazione di Farocki  PARALLEL I, IV il cui allestimento è stato curato da Irene Calderoli ed è in mostra in via Modane 16 fino al 12 Febbraio.

foto-elsaesser
Thomas Elsaesser e Giame Alonge

Due giornate ricche e intense che hanno visto la partecipazione di relatori provenienti da università italiane e straniere, tra cui Christa Blüminger (Université Paris 8 Vincennes-Saint-Denis), tra le maggiori studiose di Farocki e Thomas Elsaesser (University of Amsterdam-Columbia University), che ha dedicato importanti studi all’artista e teorico tedesco scomparso due anni fa. Lo studioso, in apertura del suo intervento, ha evidenziato i topoi che caratterizzano l’opera e la riflessione di Farocki. Innanzitutto la sua personale concezione di “nuovo materialismo” secondo la quale – se registi del passato come Vertov e Ruttmann elaboravano rappresentazioni attraverso le immagini – al regista moderno non rimane che il recupero e la riproduzione di queste immagini.  Immagini di cui Farocki si è servito all’inizio della sua carriera per creare quella che è stata definita “un’archeologia delle immagini”. Il concetto di “operationial images”, ovvero di  “immagini operazionali”, al centro delle riflessionei di molti degli studiosi presenti, come Pietro Montani (Università di Roma-Sapienza) e Volker Pantenburg (Frei Universität Berlin): ovvero le immagini di sorveglianza nei contesti civili e militari, o le immagini delle simulazioni.  A Farocki interessa il lavoro o, meglio il “labour” celato dietro le immagini, che diventano strumenti necessari per la comprensione del mondo. Una cine-percezione della realtà che può escludere l’uomo, come nel caso delle immagini prodotte dalle macchine per le macchine, o delle immagini simultanee che corrispondono a pluralità di sguardi però invisibili. Questi quindi i punti su cui, con sfumature e accenti diversi, si sono concentrati i relatori che si sono succeduti al Convegno, partendo dall’analisi di film e di opere che vanno da Zwischen zwei Kriegen- Between two wars (1978) a Gegen-Musik (2004), da Ein Bild- An Image (1983) a Bilder der Welt und Inschrift des Krieges – Images of the World and the Inscription of War (1989).

Panel conclusivo con Antje Ehemann e Carles Guerra

Ha assistito ai lavori la moglie del regista Antje Ehmann che, dialogando con Carles Guerra (presidente della Fundació Antoni Tàpies di Barcellona) ha riflettuto sull’eredità di Harun Farocki. I due hanno raccontato la genesi di alcuni degli allestimenti più noti e di come il regista, pur non amando le installazioni museali che “lasciano troppa libertà allo spettatore” (P. Montani),  riuscisse a trovare il modo di guidare la visione. Altro tema della conversazione è stata l’importanza del museo come “ambiente mediale” che dà accesso alla conoscenza e il ricordo di quanto l’artista amasse i rumori dei musei che creano essi stessi un’atmosfera particolarissima e immersiva. Ehmann e Guerra hanno inoltre anticipato i progetti di tre mostre tra Valencia, Barcellona e Berlino, ovvero in quei nei paesi, Spagna e  Germania che, insieme alla Francia, hanno saputo valorizzare l’opera di Farocki molto prima di quanto non sia accaduto in Italia.

I lavori del Convegno sono stati accompagnati da tre selezioni di opere di Harun Farocki,  History of Cinema, Cinema and Beyond  e The Inscription of war, indispensabili per assimilare l’arte e il pensiero dell’artista-teorico tedesco. Ospitate all’interno nella sezione Onde, e proiettate nella sala 3 del cinema Massimo tra domenica e martedì, queste proiezioni non hanno fatto altro che confermare come per comprendere il cinema, sia ancora “necessario” andare al cinema! (e oggi anche al museo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.