Retrospettiva Harun Farocki

Cinque opere scelte all’interno della vastissima produzione del film-maker e teorico tedesco Harun Farocki mettono in questione il mondo delle immagini, i modi della loro produzione e l’uso all’interno della società contemporanea.

harun-farocki_ein-bild_1983_article_text
Un fotogramma di “Ein Bild” con il fotografo girato di spalle che parla alla modella

Ein bild è la documentazione di come una fotografia per la pagina centrale di “Playboy” prenda vita all’interno dello studio di un fotografo di Innsbruck, in cui emergono l’accuratezza e i dubbi che riguardano la produzione dell’immagine di uno dei magazine più famosi al mondo. 

Il mondo attraverso il tavolo di montaggio è il filo conduttore del video Schnittstelle/Interface: il potere di creare una relazione tra due immagini posizionate l’una vicino all’altra, la fisicità della pellicola e l’astrattezza della clip video. Lo split screen del video rimanda sempre alla postazione del montatore, come spiega lo stesso

off_schnittstelle_24
Uno dei due schermi di “Interface” in cui lo stesso Farocki parla del conttato fisico con la pellicola cinematografica

Farocki, in cui i due schermi sono indispensabili per capire quali immagini dovranno relazionarsi tra di loro.

In Ich glaubte gefangene zu sehen /I thought i was seeing convicts il controllo delle carceri americane tramite le riprese delle telecamere a circuito chiuso ha risvolti orwelliani e la sorveglianza ai detenuti diventa lo strumento per salvarli da loro stessa violenza.

off_seriousgamesi_14
Serious Game I

Sotto quest’ottica i videogames di simulazione bellica usati dai Marines di Serious Game I e Serious Game II assumono una connotazione nettamente diversa rispetto al semplice addestramento di reclute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.