Archivi categoria: Conferenze Stampa

TORINO FILM FESTIVAL. LA 40ma EDIZIONE

Con la presentazione alla stampa della Casa Torino Film Festival si è conclusa la fase di avvicinamento al TFF40 che aprirà (proiezioni, eventi, masterclass) il 25 novembre con la cerimonia di apertura al Teatro Regio di Torino, per la prima volta anche in diretta radiofonica all’interno di Hollywood Party su Rai Radio3, dedicata a “un racconto per musica e immagini sul rapporto tra i Beatles, i Rolling Stones e il cinema”. 

La scorsa settimana aveva avuto luogo al Cinema Quattro Fontane di Roma la conferenza stampa d’apertura della manifestazione che quest’anno festeggia, in concomitanza con la tanto anelata fuoriuscita dal devastante incubo pandemico, l’importante traguardo degli “anta”.

Gli organizzatori hanno svelato un programma ambizioso, variegato e ricco di novità, sia nelle proposte filmiche che negli spazi d’interazione fra artisti e pubblico, ponendo le premesse per un’edizione carica di aspettative.

Sul piano logistico la prima novità è proprio la Casa Torino Film Festival che avrà sede nella Cavallerizza Reale anche Media Center del festival grazia alla collaborazione con la nostra Università. Il centro si pone l’obiettivo di divenire “cuore nevralgico della manifestazione in cui si succederanno la gran parte degli incontri e degli eventi”, così lo ha presentato il neodirettore artistico Steve Della Casa (in realtà un veterano già al timone del TFF tra il 1999 e il 2002, e tra i suoi fondatori nel 1982 sotto la spinta di Gianni Rondolino e Ansano Giannarelli). Inoltre, come sintetizzato dal presidente del Museo Nazionale del Cinema di Torino, ente promotore del TFF, Enzo Ghigo l’intera città verrà coinvolta tramite un “look of the city che uscirà dagli spazi consueti del festival per arrivare a vestire le piazze e le vie di Torino con vere e proprie opere d’arte, nate dal geniale tratto grafico di Ugo Nespolo che ha firmato anche l’immagine guida”. Sorta di mapping urbano da tempo in voga nelle grandi metropoli e di probabile appeal per i visitatori di ogni età.

Molti gli ospiti che arriveranno a Torino nel corso del festival, volti noti dello spettacolo, della musica, del cinema e non solo. Si avvicenderanno così senza soluzione di continuità  il mitico protagonista di Arancia Meccanica Malcolm McDowell (riceverà la Stella della Mole, sarà omaggiato da una retrospettiva e terrà una masterclass), Paola Cortellesi, Toni Servillo, Mario Martone, Paolo Sorrentino ma anche Vittorio Sgarbi, la cantante Noemi, la produttrice Marina Cicogna, e ancora Michele Placido, Sergio Castellitto, gli ex gemelli del goal Vialli e Mancini, Simona Ventura e tantissimi altri.

Quanto al programma, oltre a un concorso di anteprime nazionali e internazionali diviso nelle sezioni lungometraggi, documentari e cortometraggi, s’impone all’attenzione un ricco fuori concorso (per un totale di 173 opere di cui 81 anteprime mondiali) in grado di spaziare dalla personale del giovane regista spagnolo Carlos Vermut alla categoria dei Ritratti e paesaggi, dalla sezione più “impegnata” (Dei conflitti e delle idee) ai Nuovi mondi d’autore, fino a Crazies, antologia di film su quanto di nuovo si sta verificando nella produzione horror a livello mondiale destinata a mandare in sollucchero la moltitudine di fan del genere.

Malcolm McDowell

Senza dimenticare Back to life (le pellicole restaurate), Mezzogiorno di fuoco (i western classici americani misconosciuti), l’omaggio al documentarista/collezionista Mike Kaplan, e le immancabili Masterclass, ciò che balza agli occhi è il carattere fortemente eterogeneo di una programmazione tesa a valorizzare opere prime così come il cinema medio di genere (in più la cosiddetta produzione di serie B ma con le potenzialità da cult-movie), cercando di essere “un festival che ricorda il passato ma pensa al futuro, un festival colto ma popolare, di ricerca ma divertente. Un festival che vuole essere una festa”.

Con un occhio attento ai temi che caratterizzano la contemporaneità come la sostenibilità ambientale, la violenza di genere che ricorderà anche la madrina della manifestazione Pilar Fogliati con la ricorrenza della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, i tanti ospiti che incontreranno il pubblico “raccontando le loro idee e il loro punto di vista” e il variegato programma, il direttore sottolinea la volontà del festival di coniugare cultura alta e cultura bassa che mira a coinvolgere i professionisti di settore, l’affezionatissimo pubblico della manifestazione e coloro che, incuriositi dalle novità, avranno modo di avvicinarsi all’evento.

Davide Troncossi

40° Torino Film Festival – Programma

39 TORINO FILM FESTIVAL

Il ritorno in sala, la resistenza, il recupero della memoria

Annunciato la scorsa settimana durante la conferenza stampa al Cinema Massimo e in partenza il 26 novembre, il Torino Film Festival farà un grande ritorno in sala, dopo la scorsa edizione interamente online.
Con i suoi 181 titoli selezionati tra più di 4500 opere visionate, il Festival si propone non solo di continuare il proficuo dialogo con i suoi affezionati, sempre più esigenti e preparati, ponendo l’attenzione sul cinema di ricerca, la sperimentazione e la promozione di autori emergenti, ma anche di instaurare un rapporto con il grande pubblico.

Continua la lettura di 39 TORINO FILM FESTIVAL

“JOJO RABBIT” di TAIKA WAITITI

Un doppio legame unisce Taika Waititi a Torino. Dopo What We Do in the Shadows, mockumentary in cui il regista si è divertito a esplorare la quotidianità di un gruppo di vampiri, Waititi torna a Torino per aprire la 37° edizione del Torino Film Festival con Jojo Rabbit, in cui si cimenta con una delle pagine più drammatiche della Storia – la caduta del Terzo Reich –, senza tuttavia rinunciare a un tono ironico e scanzonato. Il film, nato durante la fase di postproduzione di What We Do in the Shadows, ha avuto una lunga gestazione ma non poteva essere realizzato in un momento più adatto.

Continua la lettura di “JOJO RABBIT” di TAIKA WAITITI

“JOJO RABBIT” BY TAIKA WAITITI

Article by: Elio Sacchi
Translated by: Ilaria Roma

There is a double bond between Taika Waititi and the city of Turin. After the mockumentary What We Do In The Shadows, where the director explored the daily life of a group of vampires, Waititi comes back in town to open the 37thedition of the “Torino Film Festival” with Jojo Rabbit. The movie, focused on one of the most tragic episodes in the history of mankind – the fall of the Third Reich – , is characterized by irony and lighthearted tones. The filmmaker started working on this movie during the post-production of What We Do In The Shadows, but he had to wait for the right time to release it.

Continua la lettura di “JOJO RABBIT” BY TAIKA WAITITI

CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 37° TORINO FILM FESTIVAL

Inquieto, medianico, premonitore. È il volto corvino di Barbara Steele – regina dell’horror italiano ed internazionale – a inaugurare la conferenza stampa del Torino Film Festival. Giunta alla sua 37°esima edizione, la kermesse cinematografica curata da Emanuela Martini si svela al pubblico, riconfermandosi evento di punta del panorama artistico torinese.

Continua la lettura di CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 37° TORINO FILM FESTIVAL

OPENING PRESS CONFERENCE – 37TH TURIN FILM FESTIVAL

Article by: Marco De Bartolomeo
Translated by: Alice De Vicariis

Anxious, prophetic, mysterious. It’s the raven face of Barbara Steele – queen of Italian and international horror – that introduces the press conference of the Turin Film Festival. Already at its 37th edition, the festival set-up by Emanuela Martini reveals itself to the public, proving once again to be one the most important cultural events of Turin.

Continua la lettura di OPENING PRESS CONFERENCE – 37TH TURIN FILM FESTIVAL

CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 34° LOVERS FILM FESTIVAL

Resistere, mostrare, esistere. È su questa equazione che si è aperta la conferenza stampa del 34° Lovers Film Festival, una delle più longeve rassegne cinematografiche a tematica LGBTQI di tutto il mondo. Con 102 titoli in programma, 28 paesi rappresentati, 50 anteprime nazionali e 10 mondiali, la kermesse curata da Irene Dionisio si presenta – ancora una volta – come una delle più interessanti e innovative manifestazioni culturali del panorama torinese.

Continua la lettura di CONFERENZA STAMPA DI APERTURA – 34° LOVERS FILM FESTIVAL

“ASH IS THE PUREST WHITE” BY JIA ZANGKE

Article by: Elio Sacchi

Translation by: Giulia Maiorana

Thanks also to the well-established artistic partnership with Zhao Tao, fetish actress who appears in almost every Jia Zangke’s film, the director creates a fil rouge, which links all his works. These works narrate, through their characters’ stories, the author’s life and, at the same time, the history of China, which remains in the background. Ash is the Purest White keeps going on this path, offering the viewer a journey which goes from the beginning of the century to the present days, walking a thousand miles.

Continua la lettura di “ASH IS THE PUREST WHITE” BY JIA ZANGKE

“ASH IS THE PUREST WHITE” DI JIA ZANGKE

Anche grazie al consolidato sodalizio artistico con Zhao Tao, attrice feticcio presente in quasi tutti i film di Jia Zangke, il regista crea un fil rouge che lega tutti i suoi lavori, i quali, attraverso le storie dei personaggi, narrano da un lato la storia dell’autore, dall’altro la storia della Cina che rimane una presenza sullo sfondo. Ash is the Purest White continua su questa strada, offrendo allo spettatore un viaggio che, dall’inizio di questo secolo, arriva ai giorni nostri, attraversando migliaia di chilometri.

Continua la lettura di “ASH IS THE PUREST WHITE” DI JIA ZANGKE

“VARGUR/VULTURES” BY BÖRKUR SIGBÓRSSON

Article by: Stefano Tropiano

Translation by: Cecilia Facchin

The noir genre allowed us to go over the classic detection storytelling, reenacting complicated situations and characters who are torn apart by their interior conflicts, but who are also part of the traditional dichotomy between good and evil. Vargur by Börkur Sigbórsson, whose title for the international distribution is Vultures, efficaciously recalls these lessons, in a powerful and dark noir both in setting and essence.

Continua la lettura di “VARGUR/VULTURES” BY BÖRKUR SIGBÓRSSON

“VARGUR/VULTURES” DI BÖRKUR SIGBÓRSSON

Il genere noir ha permesso di scavalcare le narrazioni della detection classica mettendo in scena situazioni intricate e personaggi lacerati da conflitti interiori, mai inscrivibili nella tradizionale dicotomia di bene e male. Vargur di Börkur Sigbórsson, il cui titolo per la distribuzione internazionale è Vultures, riprende con efficacia queste lezioni, in un noir potente e cupo sia nell’ambientazione sia nell’essenza.

Continua la lettura di “VARGUR/VULTURES” DI BÖRKUR SIGBÓRSSON

“DAS BOOT” DI ANDREAS PROCHASKA

Come è ormai costume in molti festival di cinema, anche il TFF quest’anno ha dato spazio alle serie televisive, mostrando nella sezione Festa Mobile i primi due episodi di Das Boot, prodotta da Sky, Bavaria e Sonar Entertainment e diretta da Andreas Prochaska (che è anche membro della giuria di Torino36). La serie tedesca, in otto episodi, si preannuncia come sequel ideale del film di Wolfgang Petersen Uboot-61 (1981), collocando l’azione un anno dopo gli eventi raccontati nel film.

Continua la lettura di “DAS BOOT” DI ANDREAS PROCHASKA

PREMIO “MARIA ADRIANA PROLO” A GIORGIO ARLORIO E PIETRO PEROTTI

Giorgio Arlorio e Pietro Perotti. Due contesti e percorsi diversi accomunati però dallo stesso ardore politico e sociale, espressione di un senso della collettività raro. I due si incontrano alla consegna del premio Adriana Prolo (avvenuta il 23 novembre 2018), destinato a personalità del mondo del cinema che si sono particolarmente distinte. Conferimento giunto alla sua 17esima edizione e all’interno del TFF, che si sdoppia – così come il numero monografico di «Mondo Nuovo 18/24 ft/s»notiziario dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema –  per omaggiare due figure che al cinema italiano e alla sua comunità hanno dato un apporto importante.

Continua la lettura di PREMIO “MARIA ADRIANA PROLO” A GIORGIO ARLORIO E PIETRO PEROTTI

“MARCHE OU CRÈVE” DI MARGAUX BONHOMME

“Cammina o muori”: così possiamo tradurre il titolo del film di Margaux Bonhomme, in concorso nella sezione principale alla 36^ edizione del Torino Film Festival. Un titolo che sintetizza una situazione di crisi costante. Marche ou crève ci immerge infatti con violenza e senza retorica alcuna nell’estenuante quotidianità di una famiglia segnata dalla presenza di una figlia disabile.

Continua la lettura di “MARCHE OU CRÈVE” DI MARGAUX BONHOMME

“OIKTOS” BY BABIS MAKRIDIS

Article by: Cristian Viteritti

Translation by: Silvia Fontana

People respond in different ways to accidents, tragedies or griefs: those who directly experiences them are immerged in contrasting feelings of denial and anger, which gradually transform into acceptance. Whereas those who are not affected by pain try to support the former, showing compassion and trying to lighten the pain of those who suffer.

Continua la lettura di “OIKTOS” BY BABIS MAKRIDIS

“OIKTOS” DI BABIS MAKRIDIS

Le persone reagiscono in modi diversi a incidenti, tragedie e lutti: chi li vive in prima persona è immerso in contrastanti sentimenti di negazione e di rabbia, destinati a trasformarsi gradualmente in accettazione. Gli altri, quelli che non sono colpiti dal dolore, cercano invece di supportare i primi, mostrando compassione, cercando di alleggerire la pena di chi soffre. Continua la lettura di “OIKTOS” DI BABIS MAKRIDIS

“DRIVE ME HOME” BY SIMONE CATANIA

Article by: Tommaso Dufour

Translation by: Gianmarco Caniglia

One man from Caserta and the other from Rome: a few months ago, they did not know each other, but they have more than a few things in common. Marco D’Amore and Vinicio Marchioni are two talented actors with a solid experience. They have common theatrical backgrounds and frequent movie appearances, in addition to being well established among the public of the TV series made by the same director, Stefano Sollima, who “launched” the former with Romanzo Criminale (2008-2010) and the latter with Gomorra (2014 – ongoing). Today they are in Turin to present the first work of a young director, Simone Catania, a producer of documentary films who committed the two actors to a road movie that is touring Italy and Europe. Continua la lettura di “DRIVE ME HOME” BY SIMONE CATANIA

“DRIVE ME HOME” DI SIMONE CATANIA

Un casertano e un romano: fino a qualche mese fa non si conoscevano, ma non sono poche le cose che hanno in comune. Marco D’Amore e Vinicio Marchioni sono due attori di talento e di consolidata esperienza. Condividono la formazione teatrale e l’abituale frequentazione del cinema, oltre all’affermazione presso il pubblico delle serie tv ad opera dello stesso regista, Stefano Sollima, che ha “lanciato” il primo con Romanzo Criminale (2008-2010) e il secondo con Gomorra (2014- in corso). Oggi si trovano a Torino per presentare l’opera prima di un giovane regista, Simone Catania, produttore di documentari che ha impegnato i due attori in un road movie che attraversa l’Italia e l’Europa. Continua la lettura di “DRIVE ME HOME” DI SIMONE CATANIA

“UNTHINKABLE” DI CRAZY PICTURES

Il pregio di Unthinkable, blockbuster a basso costo ambientato nella Svezia contemporanea, prodotto dal collettivo Crazy Pictures con un finanziamento di soli 1,8 milioni di euro – di cui la metà raccolti in crowdfunding -, sta proprio nella resa spettacolare nonostante la scarsità di mezzi. Peccato che la grande padronanza tecnica non possa correggere le incongruenze di una sceneggiatura difettosa e a tratti involontariamente grottesca. Continua la lettura di “UNTHINKABLE” DI CRAZY PICTURES

“NERVOUS TRANSLATION” BY SHIREEN SENO

Article by: Beatrice Ceravolo

Translation by: Priscilla Valente

Shireen Seno’s second feature-length film is not the common coming of age. The director claims that she had the idea for it in a dream, and the relationship between real and oneiric and between interior and exterior represents the focus of the film. The audience witnesses a fundamental moment in Yael’s life, a shy child who spends her days alone waiting for her mother to come back home or listening to messages on tapes sent by her absent father. The main character’s obsessions, confusion and solitude are reproduced with the awareness of someone who experienced them and did not forget them. Seno told in a Q&A that much of herself has been poured into the character of Yael, both into her personality and into her experience of familiar expatriation. The growing  experience of the character in such a delicate moment of her life may echo something into every one of us.

Continua la lettura di “NERVOUS TRANSLATION” BY SHIREEN SENO